Le certificazioni ecologiche: uno strumento di guadagno per le aziende.

Le aziende che si definiscono green senza diritto offrono il fianco alle critiche, impietose, dei consumatori e delle associazioni: la credibilità del marchio e dell’intero sistema si incrina.Una comunicazione sostenibile fondata su certificazioni può rivitalizzare il posizionamento del brand aiutando l’impresa a differenziarsi e conquistare nuove opportunità di mercato. Ma come orientarsi nel vasto mondo delle certificazioni ecologiche? Quali certificazioni si adattano meglio alle caratteristiche della mia azienda? Ecco una breve guida utile a chiarirvi le idee.

 

Per le aziende virtuose: Ecolabel & Marchi Ecologici di settore

ECOLABEL   (ISO Tipo I-ISO 14020)

Cos’è

L’Ecolabel UE  è il marchio volontario dell’Unione europea che premia prodotti e servizi a basso impatto ambientale. L’etichetta permette di identificare i prodotti e i servizi che, mantenendo standard prestazionali elevati, hanno ridotto il proprio impatto ambientale. La valutazione è relativa all’intero ciclo di vita  (dall’estrazione delle materie prime alla produzione, dal trasporto allo smaltimento).

 A chi viene concesso

Il marchio può essere assegnato a beni, servizi e prodotti intermedi (semilavorati) che fanno parte di determinati gruppi di prodotti per i quali siano stati stabiliti i criteri di concessione. L’Ecolabel non può essere concesso a prodotti alimentari, bevande, prodotti farmaceutici, dispositivi medici, prodotti classificati come tossici, cancerogeni, mutageni, pericolosi per l’ambiente, etc.

ECOLABEL

MARCHI ECOLOGICI DI SETTORE

Cosa sono

I marchi ecologici, sono marchi applicati direttamente su un prodotto o su un servizio che forniscono informazioni sulla sua performance ambientale complessiva, o su uno o più aspetti ambientali specifici.

I settori interessati

Food, cosmesi e detergenza, tessile, turismo sostenibile, paesaggi urbani ed edilizia (LEED,etc.), prodotti riciclati, responsabilità sociale, biocarburante e bioliquidi.

marchio_ecologio_settore

 In figura: l’intervento di Jera nel processo di certificazione

CERTIFICAZIONI

 

torna su

 

Aziende in via di miglioramento: EPD e Carbon footprint

DICHIARAZIONI AMBIENTALE DI PRODOTTO O EPD – ISO 14025 (ISO Tipo III)

Cos’è

L’ EPD è un etichetta volontaria informativa, ovvero una scheda prodotto relativa al potenziale impatti ambientali dell’intera filiera produttiva (valutata con criteri e metodologia ISO).Il suo carattere puramente informativo la differenzia dalle altre etichette ecologiche ( che rappresentano uno standard a cui il prodotto servizio aderisce). Il confronto tra EPD differenti spetta al consumatore e la comparazione è resa possibile solo all’interno di gruppi di prodotti equivalenti.

A chi viene concessa

L’EPD è applicabile a tutti quei gruppi di prodotti che soddisfano i  Requisiti Specifici di Prodotto (PCR, Product Category Rules) stabiliti al fine di rendere possibili la comparazione.

epd

CARBON FOOTPRINT O IMPRONTA ECOLOGICA

Il termine carbon footprint non definisce un’ etichetta ambientale, bensì un unità di misura: esprime il totale di co2 equivalente emesso, direttamente o indirettamente, da un prodotto, organizzazione o servizio. Di norma il calcolo della carbon footprint è finalizzato all’ottenimento di:

  • Un etichetta ambientale di prodotto EPD (con relativa climate declaration).
  • Un’etichetta ambientale carbon label, che certifica la compensazione o la riduzione a 0 delle emissioni (carbon offset). La compensazione delle emissioni si concretizza con l’acquisto di crediti VER (verified emissions reductions), quote che vanno a finaziare azioni di riforestazione locali o internazionali.

carbon _footprint

 In figura: l’intervento di Jera nel processo di certificazione

CERTIFICAZIONI

 

torna su

 

 

 

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien